Quando lo Sfratto si fa dolce…

Per capire l’origine di un nome così originale, Sfratto, per il dolce kosher più famoso di Pitigliano e presidio Slow Food, bisogna risalire al periodo del pieno Rinascimento.

Nel XVI secolo, con il prospettarsi del pericolo rappresentato dalla riforma luterana, la Chiesa iniziò ad emanare in Italia provvedimenti volti a contenere ogni movimento che non rientrasse nella sua direttiva. Questo tipo di disposizioni furono gradualmente orientate più direttamente contro gli ebrei, che a partire da papa Paolo IV furono costretti a vivere nei ghetti.
Poco tempo dopo anche il Granduca di Toscana Cosimo I dei Medici seguì questa politica. Continua a leggere “Quando lo Sfratto si fa dolce…”

Annunci

Semplicemente Totarello tra i Castelli Romani

Una ventata di profumi toscani coniugata con l’aria dei Castelli Romani, la tradizione rivisitata con originalità: questo è Semplicemente Totarello, ristorante nella zona di Cecchina, frazione di Albano Laziale.

Totarello (il piccolo Toto, da papà Antonio) è Fabrizio Vecchioni, con un’esperienza per la ristorazione che dura da quasi vent’anni, da quando nel ’99 decise di aprire una fraschetta ad Ariccia, trasformando in un lavoro il suo amore per il buon cibo e per la cucina di qualità.

Un amore, questo, che dura invece da tutta la vita. Figlio di contadini, Fabrizio mi racconta ad esempio come le verdure che serve nel suo ristorante siano quelle coltivate nel suo orto, ad Ariccia, zona da cui proviene. “Una terra fertile”, quella dell’antica Aricia “che dà ingredienti di eccellenza”.  Perché alla base dei suoi piatti ci sono “materie prime importanti, anche le più semplici“.

E la Toscana? Fabrizio impara a conoscerla con numerosi viaggi, si innamora dei suoi prodotti enogastronomici perché lo emozionano.

Continua a leggere “Semplicemente Totarello tra i Castelli Romani”

La Buca di Enea a Pienza

La Toscana, si sa, non regala solo stupendi paesaggi ma anche delizie per il palato.

Oggi mi voglio fermare a Pienza, in particolare in un posticino (saranno al massimo 15 – 20 coperti) dove la bontà del mangiare è incorniciata dalla piacevole atmosfera che vi si respira. Sto parlando de La Buca di Enea.

L’Enea in questione non è il proprietario, ma è Enea Silvio Piccolomini, affascinante personaggio salito al soglio pontificio nel 1458 come Papa Pio II e fondatore di Pienza.

Ad accogliervi a La Buca di Enea, invece, trovate Antonio e Gabriella, Continua a leggere “La Buca di Enea a Pienza”

Visita ad Arezzo: le tappe da non perdere

Ebbene sì, la Toscana, insieme all’Umbria, sono le regioni dell’Italia che amo maggiormente. Oggi voglio parlarvi di Arezzo, una città bellissima, ricca di luoghi e monumenti straordinari, che è riuscita a conquistarmi nonostante l’abbia visitata in una settimana di luglio di tre anni fa con un caldo che ha messo a dura prova la mia voglia di girare.

Eccovi i luoghi che non potete perdere se deciderete di visitarla (alcuni dei quali, forse li riconoscerete, sono stati anche set del film premio Oscar La Vita è Bella di Roberto Benigni): Continua a leggere “Visita ad Arezzo: le tappe da non perdere”