Alla scoperta di Albano Laziale

Dal 7 al 9 luglio si è svolta ad Albano Laziale l’iniziativa Borghi DiVini, nell’ambito della quale mio marito ed io abbiamo avuto la possibilità di seguire un’interessante visita guidata della città tenuta dal Dott. Roberto Libera, antropologo culturale, responsabile del Museo Diocesano. Ho così scoperto molte notizie su alcuni degli affascinanti monumenti di Albano.

Dopo l’introduzione generale sulle origini di quest’ultima dal territorio abbandonato di un accampamento romano, la visita è partita dalla stupenda Chiesa di Santa Maria della Rotonda, piccolo edificio sacro ricco di luce e molto suggestivo.

DSCN1586

La struttura nacque in realtà nel I secolo d.C come ninfeo, e di quest’ultimo è mantenuta l’architettura della facciata; sembrerebbe che esso rappresentasse uno dei confini dell’enorme Villa di Domiziano costruita nell’area dell’attuale Castel Gandolfo.

Secondo una tradizione, sarebbe poi stata trasformata in chiesa da alcune monache, fuggite nell’VIII secolo dall’impero bizantino a causa della spinta iconoclasta dell’imperatore Leone III. La notizia, non provata, è tuttavia forse sostenuta dalla possibile influenza dei vicini monaci di San Nilo di Grottaferrata. Sempre sul filo della tradizione, sarebbero state le stesse monache a portare con sé la meravigliosa icona custodita all’interno della chiesa. In realtà l’immagine a noi arrivata non appartiene all’VIII secolo, anche se forse nello strato sottostante ci potrebbe essere altro.

DSCN1590

Tra questi due periodi c’è poi una fase intermedia durante la quale, per volere di Settimio Severo, venne costruito nella zona dell’attuale città di Albano il suddetto accampamento, che inglobò anche quello che era il ninfeo. Quest’ultimo fu trasformato in struttura termale ad utilizzo dei legionari. Davanti all’entrata ci fermiamo infatti ad ammirare sulla pavimentazione i resti di alcuni stupendi mosaici.

DSCN1588

E’ interessante tra l’altro sottolineare come l’edificio sia anche definito il piccolo pantheon, poiché riprende la pianta del più famoso edificio romano, ossia un cubo che contiene all’interno una sfera.

Usciti dalla chiesa, dopo un aperitivo con un prosecco offerto dalle Cantine Silvestri, ci siamo recati prima davanti alla Porta Pretoria, altra testimonianza dell’epoca del castrum, e poi al Palazzo Vescovile, sede del Museo Diocesano, per la visita ad una particolare installazione artistica di cui però spero di parlare un’altra volta, volendo approfondire l’argomento e il progetto retrostante.

La nostra passeggiata è proseguita tra le vie della parte alta di Albano, e lungo la strada il Dott. Libera ci ha raccontato che Piazza Pia, per intenderci la piazza su cui affaccia la cattedrale, vide anche “in missione” il famoso Mastro Titta, inviato per decapitare alcuni rapinatori.

Infine, ultima tappa sono stati i Cisternoni, nella zona più elevata di quello che era l’accampamento, il quale da questi era rifornito di acqua. Si tratta ancora una volta di una splendida eredità della Roma antica: un’opera che mi ha sempre attratto e che finalmente ho colto l’occasione per visitare. Secondo parte degli studiosi, comunque, non sarebbe stata costruita dai legionari, bensì avrebbe fatto anche questa già parte della villa imperiale di Domiziano. Si accede scendendo una lunga scalinata, che però purtroppo non abbiamo percorso del tutto perché stanno effettuando controlli sulla stabilità della struttura. Quest’ultima, comunque, già guardandola dall’alto affascina nell’imponenza delle sue arcate.

DSCN1597

La visita è stata veramente interessante e sono proprio contenta che l’altra sera io e mio marito abbiamo vinto la pigrizia che, lo ammetto, qualche volta ci assale.

Quindi, al bando la poltroneria! Questi sono solo alcuni dei lasciti che la storia di questa città ci ha regalato, e spero di raccontarvene altri prossimamente!

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...