La pastiera… di casa mia!

Questo articolo avrei voluto scriverlo qualche giorno fa, ma sono stata poco bene e allora lo pubblico ora, anche se un po’ in ritardo.

Di famiglia non sono di origini napoletane ma in casa nostra tra i dolci pasquali è prevista anche la famosa pastiera.

Lo scorso anno ho così deciso di avventurarmi anche con questo dolce. Ammetto di non averla mai assaggiata nella sua ricetta originale, realizzata con gli ingredienti tipici provenienti dalla sua patria e magari con i giusti segreti per la preparazione. Comunque sia, nel mio piccolo sono stata contenta.

Quest’anno ho ripetuto l’esperimento, e siccome per mio marito le due iniziali non bastavano da portare in giro tra domani e pasquetta, mi ha candidamente chiesto di prepararne altre due. Simpatica ironia a parte, la fase che trovo più complicata è quella della pasta frolla, che però una volta riuscita è una gran bella soddisfazione ed è anche piacevole da tenere tra le mani!

Ecco dunque la ricetta di casa nostra (io con queste quantità ne preparo due):

per la frolla:

4 uova
3 etti di zucchero
3 etti di burro
1/2 chilo di farina

per il ripieno:

1 barattolo di grano (quelli che trovo di solito io sono di circa 550 grammi)
100 grammi di latte
30 grammi di burro
1 limone
700 grammi di ricotta
350 grammi di zucchero
3 uova intere
2 tuorli
1 fialetta di vanillina, 1 di acqua di fiori d’arancio
a piacere un po’ di cannella
canditi

Per preparate la pasta frolla fate la fontana con la farina e aggiungete al centro gli altri ingredienti, impastando fino ad ottenere un’impasto omogeneo. Non lavoratelo troppo, altrimenti perde in friabilità. Poi fatelo riposare per un’oretta in frigo per farlo rassodare. Tra l’altro ho scoperto che la pasta frolla si chiama così in associazione alla frollatura della carni nelle celle frigorifere, proprio perché anche la pasta frolla tenuta in frigo migliora la sua qualità.

Per il ripieno fate cuocere il grano in un tegame con il latte, il burro e una scorza di limone, finché non diventa quasi una crema.

Intanto frullate a parte la ricotta, lo zucchero, le uova e i tuorli. Alla fine aggiungete a questo composto la vanillina, l’acqua di arancio, la cannella e i canditi. Amalgamate il tutto con un cucchiaio e aggiungetelo al grano, al quale prima avrete tolto la scorza di limone.

Stendete la frolla su teglie rotonde dal bordo abbastanza alto perché alto dovrà essere anche il bordo della pastiera. Riempitela con il composto preparato e con un altro po’ di pasta fate alcune striscette come per la crostata.

Cuocete a 170 gradi in forno preriscaldato per circa un’ora, un’ora e mezza. Spegnete e lasciate che l’impasto si ritiri un po’.

E Buona Pasqua a tutti!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...