L’eleganza del Palio in sfilata a Leonessa

Dal 24 al 29 giugno 2016 si è svolta a Leonessa la XX edizione dello storico Palio del Velluto.

La manifestazione ha alle spalle un passato che ancora sprigiona tutta la potenza e l’anima di questa bellissima tradizione. Nata tra il XV e il XVI secolo, essa si svolgeva, come oggi, in occasione della festa dei Santi Pietro e Paolo patroni di Leonessa. Per il Palio gareggiavano i sei Sesti in cui la città era divisa, ossia Sant’Egidio di Corno, San Nicola di Forcamelone, San Nicola di Poggiolupo, Santa Maria di Croce, Santa Maria di Torre e San Venanzio di Terzone. Al sesto vincitore era donato un pregiato drappo di velluto rosso, da cui il nome.

WP_20160625_19_26_32_Pro

Grazie al “Calendario delle feste del Regno di Napoli” abbiamo una ricca cronaca dell’evento.

Qui di seguito, invece, il mio piccolo racconto “fotografico”.

Io e mio marito siamo stati a Leonessa sabato 25 giugno e abbiamo assistito con piacevole stupore ad alcuni degli appuntamenti più caratteristici del Palio, che ne denotano indubbiamente il lungo studio alla base dell’organizzazione.

Abbiamo visto anzitutto il Corteo delle Corporazioni e Antichi Mestieri, formato dai numerosi figuranti che con i loro costumi hanno contribuito immediatamente a dar spazio alla fantasia e all’immaginazione del pubblico e a farlo immergere nell’epoca rinascimentale:

WP_20160625_16_38_12_Pro

WP_20160625_16_37_32_Pro

così come le donne che hanno interpretato con tutto il loro fascino la madonna di ogni sesto, incorniciata, ognuna nei propri passi, dall’arco rappresentante anche questo il relativo sesto:

WP_20160625_16_39_31_Pro

Al termine del corteo abbiamo avuto la possibilità di assistere alle partite finali del Torneo della Palla Grossa, un gioco simile al calcio fiorentino. Un piccolo campo da calcio viene allestito in Piazza VII aprile, con le porte in cui lanciare la palla formate da balle di fieno sistemate a quadrato. Grazie alla bravura dei giocatori e al sostegno del pubblico locale per il proprio quartiere, anche i visitatori hanno potuto vivere sicuramente con emozione la concitata gara e lasciarsi trasportare dall’atmosfera generale.

WP_20160625_16_54_41_Pro

WP_20160625_16_55_07_Pro

WP_20160625_17_26_15_Pro

La successiva gara è stata quella del Pane, disputata da sei signore della città che con destrezza e simpatia compiono un percorso portando sul capo una tavola di legno su cui sono poggiate sei pagnotte:

WP_20160625_18_41_21_Pro

WP_20160625_18_35_42_Pro

Alle 19.30 c’è stata l’apertura delle taverne per cena.

Iniziativa originale e di grande interesse è stata l’utilizzo esclusivo del carlino, moneta storica, nelle taverne. Per cui bisognava recarsi presso la pro loco o gli appositi banchi per cambiare la valuta:

WP_20160625_20_46_17_Pro

La cena è stata servita in deliziose scodelle di terracotta accompagnate da piccole posate di legno. Il menu, naturalmente, non poteva non prevedere pietanze tipiche dell’epoca rinascimentale. Ecco allora con quanto abbiamo avuto il piacere di deliziare i nostri palati:

antipasto, già porzione importante, a base di tocchetti di formaggio di capra, farro e una fetta di pane ripiena di melanzane e zucchine:

WP_20160625_21_17_53_Pro

abbiamo proseguito con pasta e ceci, con sapore e profumo ottimi…

WP_20160625_21_31_34_Pro

…e con carne di pecora e crauti:

WP_20160625_21_44_52_Pro

Infine abbiamo terminato con i dolcetti, tra cui in particolare una squisita crostatina ripiena di ricotta, miele e granella di noci:

WP_20160625_21_57_47_Pro

Una sorta di simpatico menu scritto su pergamena era appeso anche alla parete:

WP_20160625_21_16_42_Pro

Vorrei infine fare un accenno alla solare e gentile signora che ci ha servito, che tra l’altro aveva anche partecipato alla gara del pane. Al termine della cena ci ha mostrato dei graziosi segna tavolo, da lei stessa realizzati con i legumi utilizzati in epoca rinascimentale, dopo averli lungamente cercati. Particolare che ci ha mostrato ulteriormente il notevole lavoro che viene eseguito per realizzare ogni anno il Palio del Velluto.

Per la cronaca, l’edizione del Palio di quest’anno è stata vinta dal Sesto di Corno!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...