Vivere la storia in Un giorno nella Rocca

Fino al 10 settembre le strade di Forlimpopoli, nella provincia di Forlì – Cesena, cambieranno veste, in occasione della trentanovesima edizione di “Un giorno nella Rocca“. Un viaggio nel fascino del Rinascimento, tra i suoi ambienti, i personaggi storici, gli spettacoli.

L’evento lieto ricordato è il ritorno, nel XVI secolo, del conte Brunoro II Zampeschi, partito per la Francia per sconfiggere gli ugonotti.

I quattro giorni di festeggiamenti, organizzati anche quest’anno con dovizia di particolari da moltissimi volontari, prevedono divertimento e cultura, iniziative vòlte a soddisfare la vista e altre per il palato.

Continua a leggere “Vivere la storia in Un giorno nella Rocca”

A Gragnano è Festa della Pasta!

Dall’8 al 10 settembre Gragnano, conosciuta come città dell’arte bianca, celebra il suo simbolo indiscusso: la pasta.

Punto di riferimento fin dall’antichità per la macinazione dei grani lungo il torrente Vernotico, la cittadina campana iniziò poi a puntare sulla produzione della pasta. Un’attività che, come detto, diverrà ben di più di un ramo dell’economia, sia per gli abitanti, che ne faranno il proprio orgoglio, sia per il resto del mondo, per il quale diverrà un’associazione imprescindibile quella tra Gragnano e il frutto della migliore semola di grano duro.

La Festa della Pasta di Gragnano torna finalmente ad allietare i palati dopo uno stop di cinque anni. E per il grande ritorno non poteva che essere previsto un ricco programma, con la partecipazione di nomi importanti della realtà gastronomica campana.

Continua a leggere “A Gragnano è Festa della Pasta!”

Tra i Colli Lanuvini a conoscere l’azienda biologica La Luna del Casale

La Luna del Casale è una giovane azienda biologica di 12 ettari nel territorio dei Castelli Romani, produttrice anzitutto di vini e in parte minore di olio.

L’impresa, nata nel 2000, è il frutto dei sogni della signora Nicoleta Sirbu: una passione, quella per il contatto con la terra, trasmessa anche al marito e ai tre figli, molto giovani ma già addentrati nei vari ruoli in azienda o comunque negli studi del settore enologico.

Non è stato facile all’inizio intraprendere l’avventura “sia perché si trattava di una nuova impresa, che mancava ovviamente del supporto di una fama passata, sia perché spesso nel Lazio le carte dei vini non comprendono la produzione locale ma puntano piuttosto a famosi vini di altre regioni. Quindi c’era molta diffidenza, mentre in altri contesti c’è maggiore sinergia tra le cantine e la ristorazione”.

DSCN1880

Continua a leggere “Tra i Colli Lanuvini a conoscere l’azienda biologica La Luna del Casale”

Le Macchine a Spalla nella tradizione italiana

Oggi, 3 settembre, si tiene la nuova edizione del Trasporto della Macchina di Santa Rosa. Voglio perciò cogliere l’occasione per raccontare un po’ queste affascinanti costruzioni che sono le tradizionali macchine a spalla.

Ecco di seguito alcune delle più famose del folclore italiano, che attirano ogni anno folle di visitatori accorsi a ben ragione per ammirare questi spettacoli di fede, arte ed estro popolare.

Questi sono tutti accomunati dall’essere realizzati nel contesto di una celebrazione religiosa cristiana, come segno di devozione, e tutti rappresentano un forte motivo di appartenenza e di orgoglio per i cittadini del luogo.

Continua a leggere “Le Macchine a Spalla nella tradizione italiana”

Quando lo Sfratto si fa dolce…

Per capire l’origine di un nome così originale, Sfratto, per il dolce kosher più famoso di Pitigliano e presidio Slow Food, bisogna risalire al periodo del pieno Rinascimento.

Nel XVI secolo, con il prospettarsi del pericolo rappresentato dalla riforma luterana, la Chiesa iniziò ad emanare in Italia provvedimenti volti a contenere ogni movimento che non rientrasse nella sua direttiva. Questo tipo di disposizioni furono gradualmente orientate più direttamente contro gli ebrei, che a partire da papa Paolo IV furono costretti a vivere nei ghetti.
Poco tempo dopo anche il Granduca di Toscana Cosimo I dei Medici seguì questa politica. Continua a leggere “Quando lo Sfratto si fa dolce…”

Il fascino del tufo: Pitigliano

Durante la breve vacanza nella zona dell’Argentario, quest’estate abbiamo fatto una tappa anche nel borgo di Pitigliano, a circa un’oretta di strada da Orbetello.

Bhe, devo dire che è stata una vera e piacevole scoperta!
Non avevo mai approfondito la conoscenza di questa cittadina, l’avevo solo sentita nominare; in realtà proprio la zona di Grosseto non la conosciamo benissimo, ci siamo sempre rivolti più che altro alla Val d’Orcia.

Invece Pitigliano è ricca di fascino, e noi ne siamo rimasti stregati nonostante la nostra brevissima permanenza, giusto un paio d’ore, il tempo di fare una passeggiata e cenare.

Continua a leggere “Il fascino del tufo: Pitigliano”

Gustare pesce sull’Argentario: L’Oste Dispensa

Il gusto del pesce freschissimo, la maestria di uno chef che sa come appagare gli avventori del proprio ristorante, l’attenzione per la qualità e la sostenibilità del cibo firmata Slow Food. Tutto questo è L’Oste Dispensa, nella zona dell’Argentario, più precisamente nell’area della Giannella, una delle due strisce di terra che collegano la costa al Monte Argentario.

Continua a leggere “Gustare pesce sull’Argentario: L’Oste Dispensa”