Ricette delle castagnole: tradizioni di famiglia

Le castagnole, insieme alle frappe, sono tra le più note bontà del Carnevale in Italia, e quelle con cui maggiormente le varie regioni del Paese si sbizzarriscono. Fritte o al forno, con il burro o senza, con lo zucchero a velo o semolato, ogni ricetta nasconde comunque soprattutto il segreto di famiglia.

Tra i documenti più antichi che ci parlano delle castagnole, risale al XVIII secolo un manoscritto viterbese nel quale se ne riportano quattro versioni. Il nome del dolce è dovuto alla piccola dimensione e alla forma che ricorda il frutto dei castagni.

Queste due che vengono sotto sono le ricette che seguono la tradizione della mia famiglia, una delle nonna e una della zia materne.

Continua a leggere “Ricette delle castagnole: tradizioni di famiglia”

Ognissanti e Festa dei Morti in cucina

A casa dei miei genitori le tradizioni gastronomiche legate alle festività sono sempre state rispettate, in particolare i dolci, che si iniziano a preparare giorni prima. Con mia madre che borbotta ogni anno che “quest’anno non faccio niente, non ce la faccio e non ho tempo”, e invece poi è sempre la prima a volersi mettere tra uova, zucchero e farina.

Tuttavia per la festa di Ognissanti e per il giorno dei defunti no, non abbiamo mai avuto usanze culinarie per queste giornate. Per questo non vi racconterò le nostre, ma quelle di altre famiglie, di altre case, di altri luoghi.

Continua a leggere “Ognissanti e Festa dei Morti in cucina”

Eventi gastronomici d’autunno

Ecco 4 eventi gastronomici che inizieranno o proseguiranno nei prossimi giorni, e di cui ho voluto scrivere subito e di getto perché hanno davvero catturato la mia attenzione.

Innanzitutto Mangiacinema, dal 25 settembre al 2 ottobre a Salsomaggiore Terme.

mangiacinema_2017-icona-festival
dal sito ufficiale dell’evento

“Festa del Cibo d’autore e del Cinema goloso”, come recita lo slogan. Protagonisti dell’arte culinaria e del grande schermo incontreranno piacevolmente il pubblico, in un intreccio di proiezioni, interviste, spettacoli teatrali, premiazioni e, naturalmente, degustazioni, show cooking e visite guidate. Un occhio sarà concentrato, come sempre, sui prodotti enogastronomici locali, come il Cotto ’60 del salumificio Branchi, il parmigiano reggiano, i vini, la pasta all’uovo. Un omaggio speciale, quest’anno, sarà rivolto alla figura del regista Bernardo Bertolucci, rimasto sempre molto legato alla città di Salsomaggiore e che in alcuni dei suoi maggiori film racconta largamente la civiltà contadina.

Dal 26 al 29 settembre si terrà a Foligno il festival nazionale I Primi d’Italia, dedicato ai primi piatti del nostro Paese. E anche qui, dato i protagonisti dell’evento, non poteva che essere ricchissimo il programma delle iniziative: dai mercati dei prodotti tipici ai numerosi punti della città in cui sarà possibile degustare tanti tipi di primi, dal convegno sul rapporto tra Leonardo da Vinci e la gastronomia ai laboratori di cucina per i più piccoli.

Fino al 6 ottobre continuerà La Festa del Bacalà di Sandrigo, la trentaduesima edizione della manifestazione dedicata al Bacalà alla Vicentina.

DSC_1982
dal sito ufficiale dell’evento

I numerosi stand daranno la possibilità di assaggiare ogni giorno una ricetta basata su questo pesce, 100% stoccafisso dalle Isole Lofoten: tra le delizie previste vi saranno gnocchi al bacalà, bacalà alla vicentina con polenta, risotto di zucca e bacalà, tortelli di bacalà ed erbette. Domenica 29 settembre si terrà inoltre la suggestiva cerimonia di investitura della Confraternita del Bacalà, alla presenza come tutti gli anni della delegazione norvegese, accompagnata dallo spettacolo degli sbandieratori e dal corteo di figuranti.

Il 12 e il 13 ottobre nei comuni di Livo e Rumo, nella Val di Non, si festeggia Pomaria: la festa della mela, per la quale la valle è famosa, ma non solo, perché l’evento si focalizzerà anche su miele, vini e distillati, formaggi e insaccati, così come si potranno conoscere gli antichi mestieri e visitare l’esposizione di mele di varietà storiche. Inoltre si potrà partecipare alla raccolta delle mele, per poi portare a casa le proprie cassette, si potranno imparare a fare due delle ricette più note della zona, lo strudel e i canederli, ma anche a realizzare un delizioso centro tavola autunnale. E alla fine verrà eletta la regina di pomaria, tra la Golden Delicious, la Gala o l’Evelina.

Insomma si può dire ce ne sia per tutti i gusti…o la scelta anche per voi sarà ardua?

In evidenza: foto dal sito ufficiale dell’evento I Primi d’Italia

Mangiare la pizza in zona Castelli Romani

Ecco una mia piccola selezione dei posti dove mangiare la pizza nella zona dei Castelli Romani, o dei posti che, sempre in zona, offrono anche il servizio a domicilio.

IL TOP

E’ stato amore a prima vista: già l’entrata, da cui si può sbirciare anche l’interno, mi ha colpito. Sto parlando di Amici di…: pizzeria (locale, ma si possono ordinare anche pizze tonde da portare via) lungo Corso Matteotti, ad Albano Laziale, caratterizzata dall’arredamento colorato, accogliente e molto curato. Chi vi lavora, compresi i proprietari, sono tutti molto gentili e alla mano, e le pizze sono ottime, sia nella pasta molto digeribile, sia nei gusti. Questi ultimi comprendono le tradizionali ma anche le più originali, tutte con abbinamenti azzeccatissimi. La chicca: il supplì preparato da loro, caratterizzato dal delizioso profumo di limone nell’impanatura.

amici-di-11

Continua a leggere “Mangiare la pizza in zona Castelli Romani”

5 eventi da vivere tra l’estate e l’autunno

Passato il Ferragosto, si inizia a guardare alla fine dell’estate e io inizio a dare uno sguardo alle prossime tradizioni e feste del nostro Paese, legate ovviamente anzitutto al vino novello. Come al solito mi piace andare alla scoperta di quelle un po’ più originali, ma in generale ecco qui di seguito quelle cui secondo me varrebbe maggiormente la pena partecipare.

thomas-schaefer-ApoYbda6_3Y-unsplash
foto di Thomas Schaefer su Unsplash

Firenze: Il Carro Matto (fine settembre)

La manifestazione, che pone al centro il rinomato vino dell’area del Chianti, vuole rimetterne in scena l’arrivo in città come in passato: il vino veniva prodotto nelle campagne e poi imbottigliato in fiaschi, portati su un carro abilmente sovrapposti a formare una piramideCosì ancora oggi il carro, con il suo formidabile bagaglio, arriva a Firenze dalla vicina località di Rufina; durante la sua sfilata in città si incrocia e poi si accompagna al Corteo Storico della Repubblica Fiorentina, che infine si esibisce in Piazza della Signoria. Nelle stesse giornate proprio a Rufina si tiene Bacco Artigiano, dedicata alla gastronomia e naturalmente al vino locali.

Continua a leggere “5 eventi da vivere tra l’estate e l’autunno”

Italia, vacanze e sapori (con mia figlia)

Già da un po’ me lo sono detto. Tra i prossimi posti dove vorrei trascorressimo le nostre vacanze, e che vorrei mostrare alla nostra bimba, ce ne sono tre anzitutto: l’Alto Adige, la Val d’Orcia e il Salento. Dove non a caso vorrei avere modo anche di “iniziarla” ai piaceri gastronomici della vita e dei viaggi!

100_4628
La Val d’Orcia

Continua a leggere “Italia, vacanze e sapori (con mia figlia)”

Vacanze a San Benedetto del Tronto

Quest’anno le nostre vacanze estive le abbiamo trascorse a Grottammare, nella zona di San Benedetto del Tronto, nelle Marche. Località molto graziosa, da cui tuttavia, non so perché, mi aspettavo qualcosa di diverso, o qualcosa di più. Anche se devo ammettere che in parte il mio giudizio è dovuto al non aver potuto vedere (e purtroppo assaggiare) tutto quello che avrei voluto.

Un po’ di arte e storia

Guardando alla zona di Grottammare mi ha incuriosito e colpito la presenza di alcune architetture liberty, residenze di privati realizzate a inizio del ‘900 secondo i dettami dell’elegante stile allora in voga, di cui uno dei maggiori esempi è sicuramente il Villino Matricardi – Cola.

Continua a leggere “Vacanze a San Benedetto del Tronto”

Il Carnevale Romano: il fascino di una tradizione

Siamo a luglio, e certo non è tempo di parlare di Carnevale, per cui mi perdonerete se ne scrivo fuori stagioneIn quest’ultimo periodo ho cercato infatti di approfondire la tematica del Carnevale Romano, che mi ha attratto dopo aver partecipato qualche mese fa ad un incontro ad Albano Laziale. Perciò, dopo il post in cui ho fatto un po’ un sunto di quanto detto durante quell’incontro, vorrei qui volgere uno sguardo più specifico ad alcuni aspetti.

Obiettivo che si è rivelato non semplicissimo, poiché come in una bambola matrioska la tradizione del Carnevale Romano, mentre la si studia, si svela nella sua complessità. Ecco qui, comunque, quanto ho potuto desumere da quanto letto.

Continua a leggere “Il Carnevale Romano: il fascino di una tradizione”

Cala Lenta e la Costa dei Trabocchi

Siamo finalmente nel pieno della bella stagione, e così questo è il weekend giusto per tornare a parlare di Abruzzo e della splendida costa dei trabocchi.

Questa zona infatti dal 5 al 7 luglio sarà al centro della decima edizione della manifestazione Cala Lenta, organizzata ogni due anni dalla Condotta Slow Food Lanciano.

Continua a leggere “Cala Lenta e la Costa dei Trabocchi”

Vita da cuochi tra rinascimento e barocco

Qualche tempo fa, cercando qualcosa sul catalogo delle biblioteche locali, la mia attenzione è stata attratta da un titolo in particolare. Non essendo tuttavia ciò che cercavo in quel momento, il titolo è rimasto lì, accantonato, nella lista dei testi salvati e nella mia mente.
Solo in questi giorni mi sono decisa a scoprire cosa vi si celasse dietro. Un racconto della vita, delle opere e del pensiero di tre importanti nomi della storia della gastronomia tra il XV e il XVII secolo: i cuochi Maestro Martino, Bartolomeo Scappi e François Vatel.

bartolomeo_scappi
foto dal sito ufficiale dell’associazione Mastro Scappi

Continua a leggere “Vita da cuochi tra rinascimento e barocco”